The log of the blog

Today in Italy the publisher Rizzoli is presenting a compilation of my posts entitled “Cuba Libre.”  I hope to be able to announce soon an edition in my own language.  The book leads off with  the beginning of Generation Y, which just now has passed its second anniversary, with 300 posts published between then and now:

It’s April and there’s not much to do, only to watch from the balcony and confirm that everything continues as in March and February.  The Plaza de la Revolucion—a truncated lollipop that would frighten any child—dominates the concrete blocks in my neighborhood.  Facing me, eighteen cement stories bear the sign of the Ministry of Agriculture.  Its size is inversely proportional to the productivity of the land, so I look through my telescope at their empty offices and broken windows.  Living in this “ministerial” zone allows me to interrogate the high buildings from which emerge the directives and resolutions for the whole country.  I have a habit of aiming my lens and thinking, “They’re watching me and so I, too, am watching them.”  From these inspections with my blue telescope, in truth I’ve taken very little, but an impression of inertia pierces the glass and slips through the concrete of my Yugoslav model building.

I look at those who go to the market with their empty shopping bags and many times return with them in the same state.  I also have a plastic bag, but mine is always folded into a pocket so as not to advertise that I’ve been devoured by the machine of the line, the search for food, the chatting about whether the chicken came to the ration market… In the end, I have the same obsession to acquire something but I try not to be too obvious about it.

In my delirium of counting the vultures that fly over the truncated lollipop and while I ask myself how I will fill the bag, I arrive at the most dangerous idea I’ve had in my thirty-two years.  My fit seems to be influenced by the madness of April, evident fruit of the unhealthy spring malaise.  On the keyboard of my old laptop, sold to me six months ago by a rafter needing a Chevrolet engine, I begin to write.  The journey of that apprentice Magellan was aborted, but the computer was already mine so there was no turning back.  I start with something that’s halfway between a shout and question, I don’t even know this will be my first post, the first piece of a blog.  The scene is simple, a weak woman without dreams has stopped watching, to begin to tell what she doesn’t see reflected in the boring TV or in the ridiculous national newspapers.

Before starting my disillusioned vignettes of reality, the voice of apathy warns me that my writing would change nothing.  The whisper of fear brings up my twelve-year-old son and the harm that the maternal catharsis may lead to in his future.  I hear the voice of my mother who shouts at me, “Sweetheart, why are you mixed up in this?” And I anticipate the accusations of being infiltrated by the CIA or by State Security which will also come.  The watchman behind my eyebrows rarely makes mistakes, but the madman who shares his space won’t let me listen to him.  So I begin to round out the first post and, with it in the bag, the unproductive high ministry and the raft floating in the Gulf come to the forefront.

(…)

Months after that first text, I will be faced with nearly three hundred thousand opinions left by readers, and will review the two hundred posts and the thousands of anecdotes to try to compress them into the pages of a book.  Choderlos de Laclos would laugh at me, while I try to find the evolution of a commentator based on their own interventions, to report the wrath of some and show the zigzagging path I’ve followed myself.  Epistolary novels have already given everything of themselves, but the web, its hypertext, hotspots, and interactivity have barely touched the literature.  It’s so difficult to cover all of this virtual world in the linearity of paper that I finally gave up trying.  I only manage that in the log of the blog—which will be published some day—everyone will have their turn to say something:  Generation Y, the blogger and the readers.

Advertisements

27 thoughts on “The log of the blog

  1. marco dice: 17 Abril 2009 a las 02:07

    Carbo you toke those troubles by Miami’s shit propaganda!
    ~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~
    Heil Marco, I have a sad and bad news to you…… all figures and information in the comment #23 comes from a singular and secure source (for you): The tyrannical regime that harass the cuban people, the very very castro gov.
    I am very sad for you but I have to reckon the tyranny has a lot of cash because all the goods they buy to USA is paid in cash, that’s why the real figures can’t be hidden and accounts must be very very very clear. Sorry!!!

  2. #15
    Humberto Capiro dice: 16 Abril 2009 a las 08:14
    ~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~
    Hi Humberto, there is 2 kind of trolls or castrolls, the ones that are members of The Cybernetic Response Brigades and the ones that are true believers or convenience believers of the communism’s scam. The first ones are located inside Cuba, get paid for what they do and only copy and paste what theirs supervisors prepare for them, those castrolls do not post reasons or arguments but pamphlets. The second ones posts some pamphlet similar comments but they are willing to certain kind of debate they probably are located outside Cuba and has an ideological or economical relationship with the tyranny or both. It is very hard of identify and separate the firsts of the seconds because they use to speak in same doctrinaire terms, remember that the communism, fascism, anarchism, etc are dogmas, there is no reason supporting such dogmas. Only the time and the continue exchange of post can help us to find who is who.
    Meanwhile we can take advantage of the sporadic debate opportunity the second group offer and use theirs comment to post the true about Cuba.
    Regards

  3. Carbo you toke those troubles by Miami’s shit propaganda!

    La verità deve essere colta dall’esterno e anche dall’interno ripercorrendo i fatti nella storia facendo un analisi del contesto sociale e un suo raffronto con la situazione internazionale, con i rapporti di forza complessivi, con le responsabilità e le ostilità che hanno ostacolato il processo rivoluzionario a cuba.

    Le riflessioni di Yoana sono molto povere non entrano nel merito di queste problematiche che ho elencato e corrispondono soltanto alla brama reazionaria carrierista che vuole approffitare delle contraddizioni e delle pressioni che i cubani devono affrontare non certo per abbracciare il capitalismo come lei vorrebbe quando parla di libere elezioni informazione e iniziativa libera. Ridicola

    Generazione y è una barzelletta che non fa neanche ridere al cospetto di un grande popolo che ha attraversato una storia gloriosa e che ancora vuole vivere costruendo esso stesso con dignità il proprio futuro e senza chinare il capo a quello squallido capitalimo terrorista contro cui si è ribellato e contro cui ancora lotta!

  4. Marco, piccolo Marculio, mio ragazzo, what a lack of knowledge you have about Cuba!!!!!
    Yoani can’t bring capitalism to Cuba because Castro already did it. Today are spanish, canadian and some italian transnational corporation the motor of cuban economy. Those corporations together with the dictatorial elite are sacking the national resources and using the cheap work force of the cuban people for getting richer. They pay to the cuban worker around 0.50 cent of dollar a day for 10 to 12 hours work. It is not only capitalism but the wildest one only comparable to the capitalism in the XlX century long ago left behind by the most countries in the world with exeption almost exclusively of the former “socialist countries”
    By other hand, Among Cuba’s commercial partners USA lies in place #5.
    In 2007 USA sold to Cuba goods for $582 000 000
    In 2006 sold goods for $484 000 000
    In 2008 sold goods for $680 000 000
    USA supplies Cuba almost all food the island needs, including……………..sugar!!!!!!!!!
    You are wrong, Marculio, Castro does not hate USA…… he loves USA!!!!!!

  5. it’s time for change! Yoana stop to idiots troubles!
    your are only a reactionary that want bring capitalism in Cuba!
    You are nothing! Only miami’s shit can like your book!
    Cuba know the true and hate yankie’s imperialism!

  6. Yoani you are something special, you are a shinning star in a dim and cloudy night. I her that Fidels favorate drink is CHIVAS 12 years old. I guess that made it through the so called blockade. Fidel tells the people to make SACRIFICES, while he lives the lifestyle of the rich and famous. ITS TIME FOR CHANGE.

  7. Marco, devo solo ringraziarti per l’attenzione, sono felice di questo, per me è un opportunità di crescita.

    La tua visione è sicuramente più chiara della mia, io posso avere anche un pò di confusione in merito a ciò che sostieni, perchè noto che credi fermamente in ciò che dici, questo è ottimo, potrai dirmi che sono un idealista ma mi piace pensare e sostenere che può esistere una forma di democrazia che vada oltre al socialismo e a ciò che da noi è imposto dal capitalismo, forse è solo una questione di persone, non di ideologie che sono franate con il muro di Berlino che mentre altri festeggiavano per questo a me veniva la pelle d’oca pensando al poi che purtroppo si è verificato.
    Le mie opinioni, non hanno la pretesa di essere altro, a tuo riguardo erano riferite ad alcuni passaggi tuoi precedenti, inoltre ti dico che mi sono affacciato a questo blog solo da pochi giorni, nei quali ho notato una certa volgarità che sicuramente mi hanno fatto perdere il senso di alcune altre cose che sostieni, e comunque con la tua risposta anche quei passaggi hanno per me un sapore diverso, li prendo più come una provocazione che altro.
    quello che hai espresso ora mi ha colpito particolarmente, in tante tue considerazioni che bisogna dire che sono fatti reali mi rispecchio pienamente e perciò condivido.

    Chi ci guadagna da un crimine è chi l’ha commesso, il profittatore è verosimilmente il colpevole materiale e morale. “Aumentare sostanzialmente la spesa per la difesa e sfidare i regimi ostili ai nostri interessi e valori” (reperibile, nel 1997, nel sito http://www.newamericancentury.org). Per fare questo ci voleva un evento catastrofico e catalizzante. Niente di meglio degli attacchi alle torri gemelle. Non fa molta differenza, a questo punto, che l’amministrazione Bush li abbia organizzati o accettati subendoli passivamente sapendo che sarebbero stati compiuti, di sicuro qualcuno li ha accolti come una benedizione celeste. In Iraq era Sadamm a dover dimostrare di non possedere armi di distruzione di massa, visto che la commissione speciale creata apposta non trovò nulla per dimostrare che esistevano, anzi, Colin Powell stesso dichiarò come un’onta alla sua carriera l’invenzione di prove da parte degli U.S.A.
    per dimostrare l’esistenza di tali armi.

    E’ di oggi la notizia che Obama ha sottolineato l’importanza dell’allargamento della base militare americana nella vicina a me Vicenza, sono a 20 KM.
    Sono al momento cassaintegrato senza molte prospettive a lungo termine e vedere che vicino a casa mia si investe e si lavora producendo strumenti di oppressione e di morte come pacifista mi sento enormemente incazzato.
    Utopisticamente comunque credo ancora in un futuro migliore, che se non lo sarà per me mi auguro lo sia per mio figlio
    e sono ancora più convinto che si possa trovare punti d’incontro tra più persone che vedono le cose sotto punti di vista diversi, è necessaria la volontà che da parte mia cercherò di mettere e ancora ti ringrazio.
    Ciao, Maurizio.

  8. Rather than Italy having a history of anti-fascist resistance, I think it was the Italian Benito Mussolini who invented fascism in its present form, although the ancient Roman symbol of the fasces lictoriae is more widespread, even appearing on British trade union banners. Modern Fascism – a combination of nationalism and socialism – takes many forms and names: The National Socialists (Nazis) of Germany, the Falange of Spain and elsewhere (e.g. Lebanon), the Baathists (e.g. Saddam Hussein), the Peronists of Argentina, the “Populist” Movements of South America, such as those of Hugo Chavez and Evo Morales, and, of course, so-called “Communist” Parties, e.g. Soviet Union, Cuba, and North Korea.
    The fact that the different brands of socialism hate each other more than they hate capitalism should fool nobody. Communists fulminate against “fascists” (without defining them too closely – as early as 1944, Spanish International Brigade veteran Eric Blaire, writing as George Orwell, described the word as “almost entirely meaningless” although Cubans will not be allowed to read his work) but also against anarchists, Trotskyites, syndicalists, socialists, etc. and the recriminations are mutual.
    It should be stressed that, while National Socialism has become synonymous with racism, anti-semitism was largely an affectation of Hitler’s and is not necessarily a feature of Fascism. There were Jews in the highest echelons of the Italian Fascist party until Hitler had them removed, and the supposed absence of overt racism in Cuba (but count the black faces among Castro’s immediate sidekicks) does not prevent its communist party from qualifying.

  9. Maurizio ma in quale democrazia pensi di vivere? oggi l’Italia è governata da un criminale mafioso che ha al suo seguito una banda di fascsti e razzisti xenofobi.

    Oggi in Italia c”è una dittatura neofascista che pensa a salvare gli industristriali mentre i lavoratori stanno affondando! mentre sono centinaia di migliaia i lincenziamenti, i cassaintegrati e la precarietà dilaga!

    La dittatura neofascista in Italia avanza a colpi di decreti leggi su riforme piduiste che colpiscono il lavoro, l’istruzione e afffondano colpi contro la costituzione e la giustiza rinsaldando il regime e il potere del nuovo duce che attraverso il suo potere sui media continua a manipolare tutta l’opinione pubblica!

    In tutto il mondo la crisi del Capitalismo sta mettendo in ginocchio tutti gli stati piu avanzati dopo avere seminato per tanti anni distruzione e morte con il terrorismo della guerra e il ricatto sui popoli oppressi come l’Irak che hanno opposto loro con le loro vite una vittoriosa e grande resistenza!

    Chi ha voluto questa politica di guerre che a generato la grande crisi economica mondiale sono i dittatori come Bush degli stati imperialisti che tu chiami democratici, non di certo i popoli che li hanno eletti e che hanno pagato di tasca loro le spese di una guerra che ha soppresso gli altri popoli per la conquistadi mercati che ha luogo con le ricostruzioni ed il controllo degli oleodotti ma che ha miseramente fallito!
    Ma Obama persevera “democraticamente” contro l’afghanistan rinforzando le sue truppe che cadranno sotto i colpi della resistenza!

    Ma tu continua a credere alla farsa delle elezioni in cui le grandi lobby oligarchici della borghesia si contendono il potere sottomettendo le masse dei loro paesi tagliando la spesa sociale fatta di servizi come isruzione, sanità e pensioni a dispetto delle politiche terroristiche che portano avanti nel mondo con la strategia della tensione, con l’invenzione di un nemico che la Cia finananzia per portare le truppe assassine nei paesi oppressi.
    Le libertà dentro i regimi capitalistaci che governano contro la collettivita sono soltanto formali, chi si costituisce pratica le lotte per i diritti sociali rischia con la vita quando non la perde o finisce in prigione senza sapere perche mentre i padroni e i politici corrotti che sono i veri criminali fanno cio che vogliono decidendo delle nostre vite.

    Negli Usa se non hai l’assicurazione sanitaria se finisci all’ospedale per una influenza puoi pagare 1000€ immaginiamo cosa puo succedere per il resto, semplicemente morire!
    Se giri tutto il sud america brasile, cile, venezuela, paraguay, vedrai la gente morire, vivere ancora come indigeni, emarginati senza nessuna istruzione e possibilità di migliorare la propria vità.
    Io alcuni di questi paesi come Brasile ed Argentina li ho visti e sono stato a Cuba.

    In proporzione a Cuba c’è molta più democrazia la sanità è per tutti come anche l’istruzione è di ottimo livello; nessuno muore di fame e freddo nonostante le difficolta dell’infame ricatto dell’embargo imposto dai “democratici” Usa che vogliono che Cuba torni ad essere una loro provincia sotto miami e dove schiavismo e corruzione governino come ai tempi del loro dittatore “democratico” Batista.

    Il popolo cubano l’ha vissuto sulla propria pelle e continua a conoscere il terrorismo del blocco USA per questo non vuole il capitalismo e i governi fantocci e le dittature dei nuovi Peron e PInochet a suo tempo supportati e imposti dagli yankies!
    La serva Yoana Sanchez se ne faccia una ragione! La sua generazione Y e una farsa è lei è solo un’agente reazionaria a servizio dei pescicani e delle lobby capitaliste che vogliono tornare a divorare l’isola!

    Cuba subisce con l’embargo le pressioni di stati canaglia terroristi come sono gli USA che governano il mondo con la guerra affamando il loro popoli e sottomettendo quelli più lontani, nonostante cio riesce a garantire dignità e sopravvivenza al suo popolo rispetto a tutti gli altri stati dell’america latina

    Per tutte queste ragioni l’ordinamento sociale a Cuba guadagnato da un popolo con la rivoluzione deve essere difeso perche tuttora è la dimostrazione che anche il socialismo con più difficoltà e ostilità è di gran lunga migliore di qualsiasi regime capitalista!
    Il socialismo è la strada maestra da seguire nei regimi a capitalismo avanzato in piena crisi economico-sociale e in America Latina dove il vento del cambiamento continua a soffiare in Venezuela come in Bolivia.

    Cuba continuerà a resistere e non si piegherà al ricatto terroristico degli USA e degli altri paesi imperialisti!

    Patria o Muerte!

  10. E’ strano che qualcuno che si dichiara italiano, come lo sono anch’io, si lasci andare a commenti che io non condivido per niente che però mi trovo nella condizione di dover rispettare.

    Marco, sai benissimo che se ti puoi esprimere così è per il fatto che vivi in ambiente democratico dove è salvaguardata la libertà d’espressione, ma bisogna ricordare che ogni forma d’espressione deve contenere educazione e buon gusto per rispetto altrui.
    La storia italiana della prima metà del secolo scorso deve far rammentare che per un ventennio tristemente famoso ha governato chi ha sempre detto che le elezioni sono inutili, che l’orgoglio italiano era rappresentato ottimamente da lui e non c’era bisogno di nessun’altro.
    Chiunque si giustifichi così per legittimare il modo di svolgere le proprie funzioni, che sia di destra che sia di sinistra, rappresenta solo una dittatura, dalla quale in Italia si è usciti attraverso sacrifici fatti dalle lotte a favore della libertà, lotte che alcuni esponenti politici e non solo con la scusa del revisionismo storico cercano ora di delegittimare.
    Errori ne sono stati fatti tanti, sia da una parte che dall’altra ma non è giusto perseverare, viviamo bene i nostri giorni, in armonia con gli altri anche se diversi da noi, è più facile vivere bene che vivere male anche se a volte questo concetto sembra che si voglia stravolgere.
    Sia chiaro che la mia non vuole essere una polemica nei confronti di alcun modo di pensare e qui chiudo l’argomento.

    Sono convinto che Castro non rappresenta un mondo socialista, rappresenta solo se stesso e gli interessi di cui potrebbe essere garante.
    Il popolo cubano che vuole la democrazia usando come perno della propria lotta la lotta stessa a Castro o al socialismo non può andare lontano, l’occidente ha sempre avuto bisogno di un mostro da contrapporre a se stesso per giusticaficare le sue politiche sugli armamenti, e di conseguenza i tagli alle spese sociali.
    Eliminato un mostro presto o tardi si sostituisce subito con un altro, quando si chiude la porta dell’inferno non si apre automaticamente quella del paradiso.
    Fare un inventario di se stessi, guardarsi dentro e tirar fuori il meglio ed usarlo in favore della democrazia.

    Felicitazioni per il libro “CUBA LIBRE”, oggi l’ho trovato e l’ho acquistato con cuore, sono convinto che mi conquisterà anche la mente.

    Ciao a presto, Maurizio

  11. Hello Yoani,
    I am Italian and I have followed your blog for the last few months. I like your posts and I am very glad that a book with your posts is now available here in Italy: my greatest congratulations!

  12. God guys, this Marco is a DRAMA QUEEN LIKE CASTRO! Lets vote not pay attention to him! Better use of that typing time! Marco, tu mi piace!

    Humberto
    The imperialist pig, cuban-mafia president & gusano of Venice Beach! pero con honor!

  13. Sue Alteza dice: 16 Abril 2009 a las 04:21

    Marco is typical of those fascists who believe that oppressive totalitarian dictatorships are fine as along as they have predominantly collectivist economies as opposed to market economies.
    ~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~
    Nowadays commies integrates with international capital in order to survive because the system does not work economically. You have China, Viet Nam and Cuba developing a very wild state capitalism in theirs countries with help of international corporations but maintaining a totalitarian government, that combination has only a name….. Fascism. That’s not a new thing or the socialism of XXl century as Chavez says, it is just the old and hated fascism, that’s it.
    Indeed totalitarian socialism and fascism always has been very close each other….. today are together!!!!

  14. Marco is typical of those fascists who believe that oppressive totalitarian dictatorships are fine as along as they have predominantly collectivist economies as opposed to market economies.

  15. 300,000 opinions posted by readers in a blog that’s only two years old. A blog written by a person who doesn’t even have internet access. Something pretty amazing is happening here.

  16. Heard you the first time marco.

    Man, you sure have anger management issues don’t you?

  17. Dear Marco, don’t lie, we all know you are not Italian; we all know you are a young Cuban writing from Cuba about things you don’t’ know.
    You say, for example we want imperialism in Cuba but it is not true; what we want is imperialism out of Cuba. Nowadays Castro and his allays the USA keep our country in poverty in order of avoid Cuba’s development and freedom. It is a lot of factor because the imperialism wants a poor and underdeveloped Cuba and a poor and underdeveloped Latin-America if you feel you are anti-imperialist you have the duty of learning all these factors and then choose the right party. As long as you go blind and follow the propaganda of the traitor Castro supported and created by USA you will only serve the imperialism.
    By the way, Italy’s anti-fascist history last 5 minutes in history time……… Italy’s fascist history last 2000 years in history time.

  18. I’m italian and your book is reactionary shit
    your squallid book can like only cubans servants who write from United States
    Italy is the country of historical anti-fascist resistance
    Cuba is the country of the revolution against the mafia dictatorship
    you are not a heroine but you are just a shit alone!

  19. I’m italian and your book is reactionary shit
    you book can like only cubans servants who write from United States
    Italy is the country of historical anti-fascist resistance
    Cuba is the country of the revolution against the mafia dictatorship
    you are not a heroine but you are just a shit alone!

  20. This is the Italian version of the presentation of Yoanis “CUBA LIBRE”

    Yoani Sánchez

    CUBA LIBRE

    Vivere e scrivere all’Avana

    Traduzione e cura di Gordiano Lupi – http://www.infol.it/lupi

    Rizzoli – Pag. 240 – Euro 17

    IN TUTTE LE LIBRERIE

    Yoani Sánchez è un strana dissidente: non denuncia, non attacca, non contesta. Semplicemente racconta nel suo blog cosa significa vivere oggi nel regime comunista di Cuba: la difficoltà di fare la spesa e la fame cronica, l’arte di ripararsi gli elettrodomestici guasti, la lotta per leggere le vere notizie tra le righe del giornale di partito, la paura del ricovero in ospedale dove manca anche il necessario per sterilizzare, la convivenza forzata con la propaganda che si insinua nei media, nelle piazze e nelle scuole, il panico quando arrivano le convocazioni della polizia, la preoccupazione per gli amici in carcere, la nostalgia per i tanti che sono fuggiti e la delusione per tutti quelli che hanno smesso di credere al futuro. Ma soprattutto sfata il falso mito dell’efficienza castrista e descrive, tra tenerezza e rabbia, la frustrazione per le potenzialità inespresse e i sogni perduti di chi, come lei, è nato nella Cuba degli anni Settanta e Ottanta e si ritrova rinchiuso in un’utopia che non gli appartiene. Di questa generazione Yoani è diventata l’inconsapevole portavoce, e il suo blog, che ha fatto il giro del mondo è ora un libro. Yoani Sánchez si definisce una semplice cittadina, ma in realtà è una vera rivoluzionaria, una donna che lotta con tutte le sue forze per far conoscere le se idee all’interno di una società che non ammette anticonformismo. Le sue parole sono frecciate ironiche che danno vita a un blog molto frequentato come Generación Y e servono da stimolo per inaugurare un nuovo corso per l’ultimo baluardo comunista. Purtroppo i suoi commenti vengono letti soltanto all’estero, perché a Cuba il blog risulta oscurato ed impossibile collegarsi.

  21. Yoani
    Felicitaciones!
    Espero que tu libro en espanol sea tambien traducido al ingles para el disfrute e iluminacion de aquellos que solo hablan ingles y que necesitan saber de la realidad cubana contada por un Cubano de a pie.

    Yoani

    Congratulations!

    We hope your book in Spanish will be translated to English for the enjoyment and illumination of those who only speak English and that also need to know about the Cuban reality as seen by a normal Cuban.

  22. Yes, you can vote from all your COMPUTERS, from your friends’ computers etc., but you aren’t voting from an email account so that doesn’t matter. I’m sure they just use cookies. If you delete all your cookies, sometimes you can start voting again right after they stopped you.

    You will know when you’ve voted ‘too many’ times… it’s not subtle… they block you when you press SUBMIT and a little sign pops up telling you “Sorry, you’ve reached your max, try again later.”

    It didn’t happen to me for days… maybe the initial “max” is 100s… I don’t know. But now it only allows me to vote about 20 times a day from each computer.

  23. To Andy, (April 12 blog #6 12 Abril 2009 a las 23:49 ) or anyone who can help!

    I got instructions on how to vote (see below). Now have two questions:

    1. If I have another one, two or more screen names and in separate accounts like g-mail, yahoo etc. I can vote separately on those accounts?

    2. How do I know I have reached that limit that day or total? What should I look for? You said to look for this message!
    ‘Sorry, You’ve reached your Max! Try Voting again later!” would that be near the bar saying 1-100? Sorry a cyber dunce here!

    Gracias,

    Humberto

    Go to the link

    http://www.time.com/time/speci…..68,00.html

    You’ll see a red box with a ’slider’ in it that says “Use the slider to rank influence”.

    Grab the slider with your mouse and move it to the right to 100 (of course!)

    Then click on “submit”

    Then do a refresh and do it again about 20 more times until they tell you
    LATER… do it all again!

    Thanks Humberto. Put that mailing list of yours to work!

  24. Yoani, te felicito por tu exito. Espero que tengas muchos mas. Ya estas en numero siete en Time. No te desiluciones, ya que tu eres la esperanza de millones de personas que te aman y admiran, no solo por tu valor pero tambien tu talento come escritora. Has tratado de hacer Yoga? no se si es disponible o si el regimen lo permite, pero ayuda mucho con el stress.

    Cold

  25. Yoani! Felicidades flaca! When can we get this book in English and in the USA? See this Marco guy is out of sync with the italians! Pecato ragazzo!

    Humberto

Comments are closed.